ISSNe: 2465-1427

Il seme e l'albero. Rivista di scienze sociali, psicologia applicata e politiche di comunità

Il seme e l'albero. Rivista di scienze sociali, psicologia applicata e politiche di comunità

Cerca (per autore, titolo, contenuto, tag)

Elenco autori

Sergio Manghi

Sergio Manghi

Dipartimento di Lettere, Arti, Storia e Società
Università degli Studi di Parma
sergio.manghi@unipr.it

Sergio Manghi è docente di Sociologia dei Processi culturali e comunicativi presso l’Università degli Studi di Parma. I suoi interessi di ricerca vertono sull'analisi delle relazioni sociali, con particolare attenzione alle relazioni di cura, educative e d’aiuto, alle dinamiche vittimarie e alle trasformazioni della soggettività nell’epoca contemporanea. È curatore del blog Il terzo incluso. Tra i suoi volumi: Il soggetto ecologico di Edgar Morin. Verso una società-mondo, Erickson, 2009, Lo sguardo della vittima. Nuove sfide alla civiltà delle relazioni (a cura, con A. Bosi), Angeli, 2009, Zidane. Anatomia di una testata mondiale, Città Aperta, 2007, Il medico, il paziente e l’altro, Angeli, 2005, La conoscenza ecologica. Attualità di Gregory Bateson, Raffaello Cortina, 2004.

Articoli di Sergio Manghi:

Riassunto

L’articolo evidenzia alcune importanti analogie fra tre traiettorie biografiche molto diverse tra loro in termini di luogo e di tempo, che hanno condotto al medesimo esito: impugnare un’arma con intenzioni omicide, motivate in termini politici. In particolare, si sottolinea il carattere individualistico, da ‘lupo solitario’, in tutti e tre i casi, del gesto ‘terroristico’ compiuto, e il sentimento di ferita personale, o ‘risentimento’, che connota in tutti e tre i casi l’azione violenta. Tale azione non viene considerata come tipologia ‘patologica’ separata dall’ordinaria quotidianità del nostro tempo, ma come estremizzazione di una condizione sociale propria di un novero crescente di biografie individuali. La nozione demartiniana di ‘fine del mondo’ aiuta a cogliere il carattere apocalittico di questa nuova, diffusa condizione.

DOI: 10.17386/SA2015-001017

LUPI SOLITARI FERITI. FIGURE DELLA FINE DEL MONDO[1]

Sergio Manghi*

* Dipartimento di Lettere, Arti, Storia e Società, Università degli Studi di Parma

Riassunto: L’articolo evidenzia alcune importanti analogie fra tre traiettorie biografiche molto diverse tra loro in termini di luogo e di tempo, che hanno condotto al medesimo esito: impugnare un’arma con intenzioni omicide, motivate in termini politici. In particolare, si sottolinea il carattere individualistico, da ‘lupo solitario’, in tutti e tre i casi, del gesto ‘terroristico’ compiuto, e il sentimento di ferita personale, o ‘risentimento’, che connota in tutti e tre i casi l’azione violenta. Tale azione non viene considerata come tipologia ‘patologica’ separata dall’ordinaria quotidianità del nostro tempo, ma come estremizzazione di una condizione sociale propria di un novero crescente di biografie individuali. La nozione demartiniana di ‘fine del mondo’ aiuta a cogliere il carattere apocalittico di questa nuova, diffusa condizione.

Parole chiave: lupo solitario, terrorismo, risentimento, violenza, fine del mondo.

Abstract: Lone injured wolves. Figures of the end of the world. The article highlights some important analogies between three biographical trajectories that look very different in terms of place and time, which led to the same outcome: hold weapon with murderous intentions, motivated politically. In particular, it highlights the individualistic character ('lone wolf'), in all three cases, of the 'terrorist' act, and the feeling of personal wound, or 'resentment', which connotes in all three cases the violent action. Such action is not to be considered as a 'pathological' type, separated from the ordinary everyday life of our time, but as a type of action leading to extremes a biographical condition of our time increasingly widespread. The De Martino’s notion of 'end of the world' helps to understand the apocalyptic character of this new, widespread

Keywords: lone wolf, terrorism, resentment, violence, end of the world. 


Tutto litigherà con tutto,
l’acqua dell’alveo strariperà oltre la riva
e il solido globo ridurrà a fanghiglia.
W. Shakespeare, Troilo e Cressida

Si solleverà popolo contro popolo e regno contro regno;
vi saranno carestie e terremoti in vari luoghi;
ma tutto questo è solo l’inizio dei dolori. […]
Ma chi persevererà sino alla fine, sarà salvato.
Matteo, 24, 8-9 e 13.

 

1. Introduzione

Descriverò dapprima tre figure-limite del nostro tempo, scelte fra le tante possibili, assunte come ‘antenne profetiche’ di un immaginario apocalittico oggi in crescita, pare a me, più di quanto in genere siamo disposti a vedere. Cercherò poi di motivare in tre brevi commenti il titolo, lupi solitari feriti, e l’espressione fine del mondo – non semplicemente di un mondo – posta nel sottotitolo. Assumerò questa espressione nel significato di rischio antropologico permanente, secondo le parole di Ernesto de Martino:

Come rischio antropologico permanente il finire [del mondo] è semplicemente il rischio di non poterci essere in nessun mondo culturale possibile, il perdere la possibilità di farsi presente operativamente al mondo, il restringersi – sino all’annientarsi – di qualsiasi orizzonte di operabilità mondana, la catastrofe di qualsiasi progettazione comunitaria secondo valori (de Martino, 2002, p. 219).


2. Figure della fine del mondo

2.1 Prima figura: Amedy Coulibaly

Sette gennaio 2015, Epifania. Parigi è teatro del sanguinoso attentato che sappiamo. Seguito, l’8 e il 9, da altre azioni armate, terroristiche e controterroristiche. Venti morti, vari feriti. Sulla parte avuta nella vicenda dal francese di origine maliana Amedy Coulibaly, Wikipedia scrive:

La mattina dell'8 gennaio 2015, nella città di Montrouge, a sud di Parigi, un altro terrorista armato di mitra, il trentaduenne Amedy Coulibaly, ha aperto il fuoco contro la polizia francese, chiamata per un incidente stradale. L'attacco ha provocato la morte di una poliziotta, Clarissa Jean-Philippe, e il ferimento di un altro agente. Dopo che inizialmente era stato smentito ogni rapporto tra le vicende, è stato rilevato che Coulibaly era legato ai fratelli Kouachi, responsabili della strage nella redazione di Charlie Hebdo. Coulibaly è fuggito e il giorno successivo si è deliberatamente barricato in un supermercato Kosher, prendendo alcuni ostaggi e chiedendo per il loro rilascio la liberazione degli attentatori dello Charlie Hebdo, nel frattempo asserragliatisi in una tipografia. […]. È stato ucciso, a Porte de Vincennes, nella zona est di Parigi, durante la […] irruzione delle forze speciali francesi all'interno del supermarket.[2](www.wikipedia.org)

Amedy Coulibaly era nato nella Grande Borne, periferia sud di Parigi, classificata significativamente come zona sensibile, e aveva alle spalle una storia di cosiddetta delinquenza comune, con diverse esperienze carcerarie, una delle quali nella più grande prigione d’Europa, Fleury-Mérogis: 3.800 detenuti. Vi entra nel 2004, ne esce nel 2007. È lì che incontra il franco-algerino Chérif Kouachi, convertendosi insieme a lui all’Islam radicale dopo l’incontro con il militante di al-Qaeda, pure franco-algerino, Djamel Beghal. Con la sua compagna, Hayat Boumedienne, 26 anni, partita per la Siria pochi giorni prima, si era sposato nel 2009. Rito religioso.
    Un consulente psichiatrico di tribunale gli ha attribuito una personalità immatura e psicopatica. In una video-rivendicazione diffusa subito dopo l’attentato, nella quale si dice militante dell’Isis, dichiara: «Voi e la vostra coalizione […] siete voi che decidete cosa succede nel mondo e sulla terra. Perché? No. Non possiamo lasciarvelo fare».


2.2 Seconda figura: Luigi Preiti

La mattina del 28 aprile 2013, a Roma, nasce il Governo Letta. Secondo dei tre governi, fino ad oggi, che cercano di lasciarsi alle spalle la lunga era berlusconiana, euforicamente inaugurata, come si ricorderà, dallo slogan La forza di un sogno. Mentre a Palazzo Chigi si sta svolgendo la cerimonia del giuramento, nel piazzale antistante un uomo spara diversi colpi di pistola verso le forze dell’ordine che stanno presidiando la zona. Ferisce alcuni carabinieri, uno dei quali, Giuseppe Giangrande, molto gravemente. Si chiama Luigi Preiti, ha 49 anni, e un passato disastroso alle spalle. Svuota il caricatore. Non potrà sparare a se stesso, come forse intendeva fare. È un ‘diversamente settentrionale’, come lo definisce ironicamente un sito internet. Nato a Rosarno, Calabria, era emigrato al nord, nell’alessandrino, dopo il fallimento della ditta di demolizioni che aveva cercato di avviare. Poi era tornato al paese d’origine, dai genitori pensionati, dopo aver perso il nuovo lavoro, da muratore, ed essersi separato da moglie e figli, rimasti al nord. Era ‘affetto da ludopatia’, come si dice in gergo. D’estate, da giovane, cantava nei locali del lido. In un’intervista a La Repubblica, resa nel carcere di Rebibbia, ha dichiarato:  

Li volevo colpire anche se non sapevo bene in che modo. Non avevo un piano. I nomi? Berlusconi, Bersani e Monti. Ognuno aveva delle colpe. La destra poteva cambiare le cose e non l'ha fatto. La sinistra non faceva altro che litigare: e anche quando ha vinto, ha perso.[3]

In carcere ha ricevuto numerose lettere di solidarietà. Contrasti psichiatrico-legali intorno alle sue capacità di intendere e di volere al momento dello pseudo-attentato.


2.3 Terza figura: Travis Bickle

Facciamo un passo indietro nel tempo, a quando forse le cose hanno preso la piega che stiamo cercando di capire. O più che la piega, una sua vertiginosa accelerazione. Prima metà degli anni 70, sessantotto ancor caldo. Il senatore di New York Charles Palantine, candidato alle elezioni presidenziali, sta tenendo un affollato comizio nel quale promette grandi cambiamenti sociali. Tra la folla c’è un uomo di 26 anni armato di pistola. È lì per ucciderlo. Si chiama Travis Bickle. Reduce del Vietnam. Ora fa il tassista, e trovandosi addosso un’insonnia cronica lavora di notte. Il giorno lo passa in solitudine: televisione, un diario. Ogni tanto esce per rintanarsi in un cinema a luci rosse. Si trova lì, in quel momento, dopo che un suo goffo corteggiamento a una graziosa impiegata dello staff del senatore è finito male. E dopo che è finito ancor peggio il suo nobile tentativo di salvare una giovanissima prostituta, salita per caso sul suo taxi. Due tentativi di tirarsi fuori dalla palude, due cocenti delusioni. È in questo stato d’animo che Travis compie il terzo tentativo, questa volta politico. Compra delle pistole, e si taglia i capelli nello stile dei pellerossa Mohawk, come certi marine usavano fare nel Vietnam. Il senatore Palantine è il bersaglio che ai suoi occhi meglio incarna l’intera spiegazione del mondo, l’ipocrisia delle promesse di cambiamento e di progresso allora in auge. Mentre sta per passare all’azione, tuttavia, le guardie del corpo del senatore lo individuano, e fallisce nuovamente. Riesce fortunosamente a fuggire, e seguiranno altre vicende, alquanto complesse, incluso un tentativo di suicidio non riuscito perché i caricatori, anche per lui, si erano svuotati. Ma noi ci fermeremo qui, per brevità.  Chiunque può conoscere il finale della storia guardando il celebre film Taxi driver, di Martin Scorsese. Protagonista il giovane De Niro. Una Jodie Foster ancora minorenne agli esordi.


3. Primo commento: la sindrome da lupo solitario ferito

Non parlo qui di sindrome nel senso più usuale del termine, un senso unicamente ‘patologico’, e tutto concentrato su quel che accade dentro l’epidermide del singolo individuo isolato dal suo contesto: stress, depressione, psicosi e così via. Mi riferisco a una ‘sindrome sociologica’, potremmo dire. Ovvero, un copione narrativo trans-individuale e trans-culturale, nel quale sempre più persone cercano un senso possibile alla loro esistenza, un modo per, direbbe de Martino ‘farsi presente operativamente al mondo’. Copione transculturale, in quanto permeabile a motivi culturali anche molto diversi, di ordine tecnico, religioso, ideologico, morale, politico.
    Mi è venuto di adottare il termine ‘lupo solitario’, per definire questa ‘sindrome’, dopo aver letto alcuni studi sulle diverse ‘ondate’ di terrorismo che si sono succedute dalla fine dell’800 ai nostri giorni (Rapoport, 2002; Kaplan, 2008; Brighi, 2015). Studi nei quali viene impiegato il termine lone wolf terrorism per sottolineare la novità della cosiddetta ‘quinta ondata’, la più recente, del terrorismo. Caratterizzata, appunto, dal diffondersi di azioni armate intraprese da singoli individui. ‘Operatori solitari’ e individui ‘autoradicalizzati’, li ha chiamati Barak Obama in un’importante intervista del 2011.
    Anche nel loro esibire in pubblico le insegne di un’impresa collettiva, come nel caso di Coulibaly, queste figure mantengono il segno prevalente degli ‘autoreclutati’. Degli auto-inscritti, fosse anche solo per un attimo, nella élite dei vincenti, in uscita repentina dalla palude dei perdenti, delle vite di scarto, direbbe Bauman. Intendo qui i vincenti per come vengono rappresentati sugli schermi della società-mondo in vorticosa gestazione. La società dello spettacolo a capitalismo narciso-liberista, che ha cominciato a prender forma negli anni ’70 e ’80 del secolo scorso. Sempre più simile a uno sconfinato reality show planetario per ottenere i fatidici 5 minuti di celebrità di cui diceva Andy Wharol.
    La video-intervista ricordata sopra, nella quale fra l’altro Coulibaly appare vestito in tre modi diversi, uno dei quali in corsetto mimetico da marine, a me pare dire questo. Anche se, va da sé, non solo questo. Ma poco a che vedere, in ogni caso, con il terrorismo individualistico di matrice anarchica a cavallo tra l’800 e il ’900, che gli studiosi classificano come ‘prima ondata’. Questa interveniva su condizioni societarie compattamente strutturate e gerarchizzate, ben lontane dall’individualismo mimetico di massa e dalla polverizzazione dell’esperienza soggettiva del nostro tempo.  (Le tre ‘ondate’ intermedie sarebbero, per intenderci, quella anti-coloniale, quella di nuova sinistra e quella religiosa).
    A me pare insomma che il ‘diversamente parigino’ Amedy Coulibaly, pur con la differenza di aver incontrato un giorno (per caso) un reclutatore di vittime sacrificali per cause religiose, richiami assai più un Luigi Preiti e un Trevis Bickle, che un Michail Bakunin. Non che il disegno politico dell’Isis, e più in generale l’uso politico della religione, non meriti una sua attenzione specifica (anzi, e ci torneremo). Ma qui vorrei sottolineare che nella traiettoria biografica di Coulibaly, l’ade-sione a un ordine di valori sopraindividuale è in buona misura posta al servizio della potenza individuale ferita. Una potenza misconosciuta e umiliata da un mondo che – beffardamente – proprio la potenza individuale invita a esprimere in massima libertà, in forme creative, disinibite e trasgressive. In competizione ‘meritocratica’, come si dice, con sciami di individui animati da aspirazioni analoghe.
    Una competizione dalla quale pochissimi escono vincenti e tantissimi, fatalmente, perdenti. Perdenti, e pure colpevolizzati e autocolpevolizzati per la loro sconfitta, poiché nell’immaginario narciso-liberista, un immaginario maniacalmente psicologistico, non c’è più posto per spiegazioni sociologiche di quel che ci accade. Non c’è più posto per accogliere il carattere lacerante – Gregory Bateson (2000) direbbe doppiovincolante – del conflitto tra la moderna promessa egualitaria di espansione della soggettività di tutti, da un lato, e una realtà fattuale, dall’altro, che comunica l’insormontabilità delle disuguaglianze sociali e delle barriere alla mobilità ascendente. Un conflitto esplosivo e implosivo insieme. Terreno quanto mai fertile, per la sindrome del lupo solitario ferito.


4. Secondo commento: la globalizzazione del sottosuolo

Il copione da lupo solitario ferito è mimeticamente contagioso, ma nella maggioranza dei casi non viene condotto fino all’acme ‘apocalittico’. Cioè fino al vertice rivelatore che s’immagina illuminare di colpo la scena del mondo, profeticamente, per effetto dell’azione violenta, sacrificale, sulle ostinate menzogne di questo stesso mondo.  
    In tanti, tra alti e bassi, sostano nella sala d’aspetto di una ‘stazione’, per così dire, precedente la profezia. È quella ‘stazione’ che nel nostro paese Stefano Tomelleri (1999, 2009) studia da anni con particolare acume, e che Friedrich Nietzsche per primo ha chiamato risentimento. In un’accezione del termine, vorrei qui sottolineare, non psicologizzante, psichiatrizzante o moraleggiante, ma pienamente sociologica, nel senso che è espressamente associata all’avvento delle società democratiche di massa. Società, come già dicevamo, per un verso animate da aspettative egualitarie crescenti, e per l’altro ampiamente frustrate nell’aspettativa che tali aspettative vengano esaudite.
    Il genio premonitore di Fedor Dostoevskij ha tratteggiato questo copione un secolo e mezzo fa, dapprima con l’uomo del sottosuolo, fermo alla ‘stazione’ del risentimento, e poi con il giovane studente Raskolnikoff di Delitto e castigo, che invece passa all’atto, uccidendo per avere la prova provata, una volta per tutte, del proprio distinguersi sull’anonimato della massa. Una massa che oggi, com’è evidente, si è fatta incomparabilmente più vasta. Globalizzata, come si dice. E insieme, antropologicamente inedita. Non più scoraggiata o contenuta dallo spirito del tempo, come nell’Europa moraleggiante di centocinquant’anni fa, o ancora fino a mezzo secolo fa, ma al contrario apertamente incoraggiata, iperstimolata, nei propri desideri di liberare dal sottosuolo gli animal spirits del capitalismo, le inclinazioni all’auto-affermazione individualistica, raffigurate come inclinazioni naturali, ovvero preculturali, ‘zoologicamente’ universali.
    Quello che Boltanski e Chiappello hanno chiamato il nuovo spirito del capitalismo (1999) invita a indossare sempre più rischiosamente, senza la protezione di narrazioni culturali collettive, raffigurate ormai come pesanti zavorre moralistiche, la divisa ‘autoradicalizzata’ dell’‘operatore solitario’, potremmo dire evocando le parole di Obama, al di là del riferimento al terrorismo. L’invito del nuovo spirito del capitalismo è a immergersi post-modernamente nel vortice della promessa narciso-liberista, come nel più naturale dei mondi possibili. Un invito paradossale, intrinsecamente autodeludente, come ha mostrato il sociologo tedesco Ulrich Beck, in quanto spinge a cercare, scrive, «una soluzione biografica a contraddizioni sistemiche» (Beck, 2000, p. 137). Frustrazione assicurata. Via maestra, diremo qui, per sviluppare i prerequisiti da lupo solitario ferito.  
    In passato, le teorie comuniste, socialiste e anarchiche, e in seguito anticoloniali, avevano elaborato grandi ‘copioni’, antagonisti o riformisti, che si proponevano di trasformare la carica crescente del risentimento moderno in orizzonti comuni di trasformazione del mondo. E nella stessa direzione andava l’espansione straordinaria conosciuta dagli ideali democratici nei primi decenni del secondo dopoguerra. È nel vuoto lasciato dalla caduta di queste ‘grandi promesse’ che si è insediata la nuova ‘grande promessa’ libertario-liberista, fattasi narciso-liberista, con l’inevi-tabile accumularsi di amarezza distruttiva che essa favorisce, dove il confine tra sete di giustizia e brama di vendetta, tra rivolta e risentimento, tende a svanire.
    Ma neppure gli attuali progetti fondamentalistico-religiosi, dobbiamo dire, sfuggono a quel vuoto. Mimano il discorso che fu rivoluzionario senza riprodurne il codice simbolico di alternativa all’esistente. Come scrive Slavoj Žižek, questo nuovo fondamentalismo non è motivato al fondo dal desiderio di affermare un’identità alternativa, come proclama, ma dal desiderio segreto, e frustrato, di essere come noi. Scrive Žižek (2015, pp.16-17):

Contrariamente ai veri fondamentalisti, i terroristi pseudo-fondamentalisti sono profondamente turbati, intrigati e affascinati dalla vita peccaminosa dei non credenti. Si intuisce che nel peccatore, essi combattono la loro stessa tentazione; segretamente, hanno già interiorizzato i nostri valori, e giudicano sé stessi a partire da questi stessi valori.

C’è dunque anzitutto una fragilità, da comprendere, il sospetto di essere figli di un dio minore, sotto la maschera sanguinaria della potenza mediaticamente ostentata dall’Isis. «Quanto fragile dev’essere la fede di un musulmano – si chiede Žižek – se può essere minacciata da una stupida caricatura di un settimanale satirico?» (Ivi, p. 17).
    Posta in questa cornice, la figura-limite di Coulibaly, militante dell’Isis, è a maggior ragione significativa, come indicatore di quanto si vada globalizzando, insieme al nuovo spirito del capitalismo, il dostoevskjiano sottosuolo.


5. Terzo commento: notizie dalla fine del mondo

Deculturazione, individualizzazione. E insieme, aggiungiamo ora, capillare mediatizzazione: ovvero, trasferimento dalla cultura alla tecnica del compito antropologico di interconnettere le traiettorie individuali. Il compito, nel linguaggio démodé di de Martino, di favorire la «progettazione comunitaria secondo valori».
    Passaggio, dunque, dalla centralità della cultura alla centralità della tecnica. Dal primato dei valori al primato dei mezzi, intesi come mezzi a disposizione dei singoli per la loro autoaffermazione. In questo movimento non è in gioco semplicemente la fine di un mondo, sulla base dell’ingenuo presupposto per cui morto un mondo ne nascerà un altro, come se fosse una legge fisica. In questo movimento sembra essere in gioco piuttosto la fine del mondo. L’affievolirsi, a tempo indeterminato, della demartiniana ‘possibilità di farsi presente operativamente al mondo’. Una fine da intendersi come processo che può durare anche molto a lungo, diversamente da come i primi cristiani la immaginavano, attendendola peraltro con gioia, in quanto avvento della salvezza.
    Di passaggio, è interessante notare che l’annuncio apocalittico il tempo s’avvicina, contenuto nel Vangelo di Matteo, diede il titolo al quotidiano del Sud – Mo’ che lo tienpo s’avvicina – che Lotta Continua pubblicò negli anni ‘70 – gli stessi di Taxi driver.
    Ma quel che vorrei sottolineare, venendo più vicino a noi, è che l’attesa religiosa della rivelazione finale, della fine della storia, illumina apertamente la ‘grande promessa’ reagan-thatcheriana, la forza travolgente del sogno libertario-liberista germogliato nella crisi di quegli anni. Quello che de Martino chiamava ‘rischio antropologico permanente’ divenne un valore apertamente onorato, per non dire idolatrato. Il nuovo spirito del capitalismo, non più compensato da vincoli istituzionali, ideologici e comunitari, ma danzante sull’onda sensoriale del desiderio, assistito da tecnologie di ogni genere, sempre più efficaci e a portata di mano, ha apertamente e sistematicamente perseguito la decostruzione radicale della mediazione culturale. In nome, ecco l’annuncio apocalittico, dell’avvento di un’esperienza finalmente immediata e trasparente: l’esperienza leggera del sentire puntiforme e continuo, in un qui e ora iperstimolato e senza storia, libero dalle pesanti ipoteche del pensare, del faticoso ricostruire nessi tra passato, presente e futuro.
    Mi avvicino ora alla conclusione. Primato, abbiamo detto, dell’immediato sensoriale sul mediato simbolicamente. Immanentizzazione radicale di ogni trascendenza, laica o religiosa che sia (Magatti, 2009, 2012). Frammentazione del tempo storico vissuto, del tempo come durata, che va annullandosi in una sorta di puntiforme eterno presente. Dove il tempo, tuttavia, non passa mai, come si dice. Ovvero, non si fa mai passato. E dunque, non apre al futuro. Istituisce, anzi, il presente come eterno non-futuro, evidente nelle figure di lupo solitario ferito descritte sopra. Oppure, come nell’acme della loro traiettoria, balza direttamente in un’altra modalità del senza tempo, quella costituita dall’attimo rivelatore una volta per sempre. Dal gesto fatale che di colpo strappa al disordine del mondo la sua maschera menzognera.
    O così ci s’immagina, vanamente. Poiché si tratta ormai di un mero simulacro, ahimè, per quanto spettacolare, di antiche ritualità sacrificali. Creatrici, un tempo, ma ora non più, di ordine simbolico. Il simulacro attuale di quelle arcaiche ritualità amplifica, all’opposto, il disordine simbolico che vorrebbe magicamente guarire. E che segretamente, abbiamo detto, lo affascina.
    Tuttavia, è proprio nel loro fallimento che le traiettorie biografiche pubbliche di Amedy Culibaly, Luigi Preiti e Travis Bickle, e di tanti altri lupi solitari feriti che ciascuno può richiamare da sé (compreso il giovane pilota tedesco Andreas Lubitz, o il milanese ‘Conte Tacchia’), sono in grado di comunicarci notizie preziose sul finire del mondo con cui ci è dato misurarci. Sulle ferite dell’anima dalle quali soltanto ci è dato poter trasformare ‘il dolore in bellezza’. Ricordando una volta di più il verso di Hœlderlin: Là dove cresce il pericolo, cresce anche ciò che salva.
    E insistendo su queste ‘notizie dalla fine del mondo’, passo alla conclusione, in forma di tre domande.


6. Tre domande per concludere: profezia, speranza, libertà.

Prima domanda.
Sulla profezia. Dobbiamo considerare l’attentatore solitario del nostro tempo come una figura marginale, fuori dal mondo, alla quale sfugge lo stato reale delle cose, oppure come una sorta di inconsapevole profeta che avverte l’urto del reale più acutamente di quanto noi, a partire da noi occidentali ma non solo, siamo disposti a vedere, bendati come siamo da ottimismi compulsivi, economici, tecnologici e ipersoggettivisti?

Seconda domanda.
Sulla speranza. Di fronte alla catastrofe del nostro tempo, catastrofe simbolica, nucleare, ambientale, economica e relazionale, saremo più inclini a rimboccarci le maniche della speranza se classificheremo l’idea di fine del mondo qui evocata tra le fantasie eccessive e i millenarismi di ritorno, oppure se la prenderemo sul serio, assumendo con rigore il ‘gramsciano’ pessimismo della ragione e l’umano prenderci cura delle nostre fragilità?

Terza domanda.
Sulla libertà. O sul sentirsi Charlie Coulibaly. Come qualcuno ricorderà, l’11 gennaio, dopo la grande manifestazione di Parigi in difesa della libertà di espressione, il noto umorista francese Dieudonné M’bala M’bala, padre camerunense e madre francese, pubblicò su Facebook questo commento: «Dopo questa marcia storica, ma che dico… Leggendaria! Istante magico come il Big Bang che ha creato l’Universo! […], rientro finalmente a casa. Sappiate che questa sera, per quanto mi riguarda, mi sento Charlie Coulibaly». La frase gli è costata la condanna a due mesi per apologia del terrorismo. Ma le parole dei buffoni, dovremmo sapere, non vanno prese alla lettera. Vanno prese sul serio, piuttosto, e meditate, come segni dei tempi. Segnali dall’invisibile.

La domanda con la quale vorrei concludere è allora questa: quale libertà si stava proteggendo orgogliosamente, in quella manifestazione? Dove stava il confine, se mai c’era, tra la libertà democratica della triade francese liberté, egalité, fraternité (inclusa la libertà religiosa, con i suoi simboli), e la libertà qui definita narciso-liberista, matrice di non-futuro e di lupi solitatri feriti?

 

Bibliografia

Bateson G. (2000). Verso un’ecologia della mente. Milano: Adelphi.
de Martino E. (2002). La fine del mondo. Torino: Einaudi.
Beck U. (2000). La società del rischio. Verso una seconda modernità. Roma: Carocci.
Boltanski L., Chiappello E. (1999). Le nouvel esprit du capitalisme. Paris: Gallimard.
Brighi E. (2015). The Mimetic Politics of Lone-wolf Terrorism. Journal of International Political Theory, 11(1), 145-64.
Magatti M. (2009). Libertà immaginaria. Le illusioni del capitalismo tecno-nichilista. Milano: Feltrinelli.
Magatti M. (2012). La grande contrazione. I fallimenti della libertà e le vie del suo riscatto. Milano: Feltrinelli.
Kaplan J. (2008). Terrorism’s Fifth Wave: A Theory, a Conundrum and a Dilemma. Perspective on Terrorism, 2, 2, 12-24.
Rapoport D.C. (2002). The Four Waves of Rebel Terror and September 11. Anthropoetics, 8, 1, 42-3.
Tomelleri S. (1999). Introduzione. In Girard R., Il risentimento. Milano: Raffaello Cortina, (s.p.).
Tomelleri S. (2009). Identità e gerarchia. Per una sociologia del risentimento. Roma: Carocci.
Žižek S. (2015). L’islam e la modernità. Firenze: Ponte alle Grazie.

 

Note biografiche sull’autore

Sergio Manghi è docente di Sociologia dei Processi culturali e comunicativi presso l’Università degli Studi di Parma. I suoi interessi di ricerca vertono sull'analisi delle relazioni sociali, con particolare attenzione alle relazioni di cura, educative e d’aiuto, alle dinamiche vittimarie e alle trasformazioni della soggettività nell’epoca contemporanea. È curatore del blog Il terzo incluso. Tra i suoi volumi: L’altro uomo. Violenza sulle donne e condizione maschile, Pazzini, 2014, Il soggetto ecologico di Edgar Morin. Verso una società-mondo, Erickson, 2009, Lo sguardo della vittima. Nuove sfide alla civiltà delle relazioni (a cura, con A. Bosi), Angeli, 2009, Zidane. Anatomia di una testata mondiale, Città Aperta, 2007, Il medico, il paziente e l’altro, Angeli, 2005, La conoscenza ecologica. Attualità di Gregory Bateson, Raffaello Cortina, 2004.


About the author

Sergio Manghi is Professor of Sociology of Cultural and Communication Processes at the University of Parma. His interests of research include: analysis of social relations, with special attention to relations of care, education and help, dinamics of victimization and subjectivity transformation in the contemporary age. He is editor of the blog Il terzo incluso. His recent books are: L’altro uomo. Violenza sulle donne e condizione maschile, Pazzini, 2014, Il soggetto ecologico di Edgar Morin. Verso una società-mondo, Erickson, 2009, Lo sguardo della vittima. Nuove sfide alla civiltà delle relazioni (Eds., with A. Bosi), Angeli, 2009, Zidane. Anatomia di una testata mondiale, Città Aperta, 2007, Il medico, il paziente e l’altro, Angeli, 2005, La conoscenza ecologica. Attualità di Gregory Bateson, Raffaello Cortina, 2004.


[1] Testo della relazione al convegno “Fine di un mondo”, Parma, 21 aprile 2015, nell’ambito della rassegna Dolore in bellezza, promossa dall’Università degli Studi, dall’Azienda Sanitaria Locale e dal Teatro Due.


[2] https://it.wikipedia.org/wiki/Attentato_alla_sede_di_Charlie_Hebdo consultato il 20 dicembre 2015.

[3] http://www.repubblica.it/cronaca/2014/07/15/news/luigi_preiti_chiede_perdono-91592818/ consultato il 20 dicembre 2015.

 

Keywords: